lunedì 18 aprile 2016

Dieci anni di podi per Umberto Tornar e Domenico Guidoni


 



Una delle coppie più inossidabili del Circolo compie dieci anni. Il sodalizio composto da Umberto (Babà) e Domenico rappresenta una delle formazioni più stabili nella storia del Tirrenia al punto che nel 2015 pure il brevetto di allenatore di canottaggio di secondo livello è arrivato sempre nell’ambito di una amicizia sportiva che sembra non avere fine. Dal 2006 hanno iniziato a partecipare insieme alla Silver Skiff, riuscendo ad essere presenti a tutte le edizioni fino ad oggi. Secondi nel 2008, poi primi nel 2009 nel Tricolore Master, sempre nel 2009 hanno conquistato il titolo regionale con il 4x assieme a Stefano Tenderini e Luca Dell'Elice, nel 2012 sono Campioni Italiani (4x) con Dario Fogo e Alessandro Mannucci. Cosi fino allo scorso anno dove per un soffio non hanno vinto il titolo Italiano nel Doppio. Sono stati dieci anni di sacrifici e dedizione, ma grazie anche al TIRRENIA, che ha consentito tutto questo percorso, Umberto Tornar e Domenico Guidoni sono un esempio di quel movimento master che a livello nazionale ed internazionale dà al canottaggio un contributo essenziale di passione ed entusiasmo. Il Consiglio Direttivo del CC Tirrenia Todaro e tutti i soci augurano ad Umberto e Domenico non dieci, ma un futuro ricco di successi.
 
 
 
 

mercoledì 13 aprile 2016

Cena sociale



      

A cena con gli Etruschi

 



 

 

 

Giovedì 28 aprile alle ore 20,00 cena sociale

 

Il Tirrenia continua a incontrare la sua storia, questa volta sembra che il tema della serata non sia in relazione con nessuna delle attività sportive istituzionali, ma un circolo non è dato semplicemente dalla sua storia.

 

Il Tirrenia Todaro è vitale perché sono i suoi soci a renderlo tale.

 

Questa volta scopriremo la particolarissima storia di un socio e della sua famiglia protagonista della cultura italiana dal dopoguerra ad oggi.

 

Come sempre in queste occasioni il Circolo si apre agli ospiti: sono gradite le prenotazione ai gestori del ristorante

Maratona di Roma 2016


Alla Maratona di Roma il Tirrenia c’è


 


 
Grande emozione alla ventiduesima Maratona di Roma per i sei indomiti rappresentanti del Tirrenia. Accolti da una splendida giornata di sole, ma fortunatamente non così calda come si poteva pensare alla vigilia, gli oltre quindicimila partecipanti hanno dato vita ad uno spettacolo di colori con i protagonisti appartenenti a centocinquanta nazioni. Nella magica cornice dei Fori Imperiali si parlavano tutte le lingue. I sei si presentavano “quasi” tutti vestiti con i colori sociali: Filippo “Borat” Ungari, Luca “Bambino” Pratesi, Andrea “Sor” Coen, Antonio “Barbetta” Correnti, Saverio “Saveride” Angella, Luca “Passatore” Vecchia.
Al di là delle sofferenze personali, delle immancabili rivalità, della leadership decaduta di Pratesi a causa di una preparazione approssimativa, rimane per tutti la grande soddisfazione di aver concluso la prova. Per la cronaca:
Ungari 3h29’ ligio e attento, non ha “ciccato” un allenamento
Pratesi 3h46’ reduce da un infortunio e con solo un mese vero di lavoro
Coen, 3h53‘ veterano tra i partecipanti del circolo alla gara
Correnti 4h09’ stoico nel superare difficoltà oggettive
Angella 4h47’ famoso per le prestazioni anche a tavola e anche al di fuori dei confini del Tirrenia
Vecchia pace maker ufficiale a 4h 15’ che ha usato la maratona come preparazione della 100 chilometri di fine maggio. Certo i tempi non sono la cosa migliore e sicuramente sono lontanissimi dalle due ore otto minuti e dodici secondi del vincitore, ma la passione è tanta al punto che c’è chi pensa a partecipare, il prossimo 28 e 29 maggio alla 100 chilometri del Passatore. Certo che “quelli” del Tirrenia sono veramente temerari, ma come si sa la passione fa sempre brutti scherzi.
Grazie amici runners. Grazie Maurizio “cocce” Bernardo che ci ha fornito indicazioni per la preparazione.
Viva il Tirrenia.

Gara internazionale di velocità, Mantova il 9 e 10 aprile


La squadra agonistica della canoa torna da Mantova con una grande medaglia e un piazzamento di prestigio.

 

Alla gara internazionale di velocità, svoltasi a Mantova il 9 e 10 aprile ci sono state grandi soddisfazioni per il Tirrenia. Possiamo dire con orgoglio che il nostro gruppo sportivo sta funzionando alla grande collezionando un risultato dopo l’altro. Ma ecco la cronaca: sabato mattina si sono svolte le batteria del K2 200mt e del K4 1000mt. Nel K2 200mt i nostri ragazzi hanno passato abilmente la fase eliminatoria piazzandosi al primo e al terzo posto delle rispettive batterie.

Nella semifinale il k2  Romiti – Belvedere giunge secondo sul traguardo, conquistando il pass per la finale, non ce la fanno invece Allevato e De Bonis che giungono solo quarti.

La finale è al cardiopalma, siamo da subito in lotta per le medaglie, solo i livornesi hanno una marcia in più e i secondi centometri si staccano, noi ci giochiamo fino agli ultimi colpi la medaglia d'argento e abbiamo la meglio sull'equipaggio terzo classificato per soli 4 centesimi.

Per quanto riguarda il k4 1000mt gli equipaggi in partenza erano 22 divisi in tre batterie, solo il primo accedeva diretto alla finale, per gli altri i ripescaggi al pomeriggio.

Il nostro k4 tenta fino all'ultimo di vincere la batteria e giunge sul traguardo a soli due decimi dall'equipaggio della Canottieri Omegna che conquista l'accesso diretto alla finale.

Nella semifinale, condizionata da problemi tecnici ai blocchi di partenza, siamo terzi e conquistiamo l'accesso alla finale.

In finale siamo in gara per le medaglie fino agli ultimi cento metri, ci sfilano negli ultimi metri l'equipaggio del Canoa Club Livorno e San Donà e siamo quinti sul traguardo a 4 decimi dalla medaglia di bronzo.

 

Complimenti ai nostri ragazzi e al nostro allenatore Ennio Nurzia per i risultati conseguiti!!

 

Alè Tirrenia

mercoledì 23 marzo 2016

Grande affermazione per il Tirrenia nel campionato di fondo di canoa 5000 metri

 
Domenica 20 marzo nella cornice del lago di Castel Gandolfo si è svolto il Campionato Italiano di Fondo sulla distanza dei 5000mt. Il Tirrenia ha schierato due K4 categoria Ragazzi, l'equipaggio A composto da Marco Belvedere, Livio De Bonis, Francesco Allevato ed Enrico Romiti, e quello B di Andrea Aresu, Angelo Di Foggia, Edoardo Peroni e Flaviano Mancini. La gara, di grandissimo spessore tecnico, ha visto sulla linea di partenza 17 equipaggi. Dai primi colpi è subito bagarre e i nostri ragazzi rimangono attardati rispetto al gruppo di testa. L'equipaggio A però sul passo recupera metro dopo metro e al primo giro di boa è secondo attardato di circa un paio di barche dall'equipaggio del Canoa Club Livorno, con alle spalle Aniene e S. Donà. L'equipaggio B invece rimane nel gruppo centrale tra l'ottavo e il dodicesimo posto.Durante tutta la gara i distacchi rimangono inalterati con la Canottieri Aniene a scia del nostro equipaggio per gran parte del percorso. Il secondo posto sembra molto vicino, ma negli ultimi 200 mt la stessa Canottieri Aniene esce dalla scia e assesta uno scatto al quale il nostro equipaggio non riesce a reagire. Sul traguardo siamo terzi attardati di una barca rispetto all'equipaggio giallo-blu e di 8 secondi dai Campioni d'Italia del Canoa Club Livorno. L'equipaggio B, invece, giunge undicesimo perdendo di una punta il rush finale con il CUS Torino. Complimenti ai nostri ragazzi che hanno portato in alto i colori del Tirrenia , all'allenatore Ennio Nurzia per avere costruito nel tempo un equipaggio competitivo e un grazie alla preziosa collaborazione dell'altro tenico Sorin Vrancianu.
                                                                    Il Direttore sportivo della canoa Antonio Andriella








1° Gara Nazionale





Domenica scorsa sulle acque del lago di Piediluco si è svolta la prima gara nazionale alla quale abbiamo partecipato con due equipaggi.
Nel singolo senior pesi leggeri ha gareggiato il nostro atleta junior Valerio Marcocchia che ha sfiorato la semifinale (primo degli esclusi).
Dopo aver vinto la batteria eliminatoria e conquistato il secondo posto in semifinale, il quattro di coppia ragazzi di Marco Felici, Benedetto Gentile, Carlo Patti e Simone Sangiorgio ha conquistato la finale. Purtroppo i nostri ragazzi non sono riusciti a ripetere le precedenti buone prestazioni e si sono classificati al settimo posto.

Il Direttore sportivo del canottaggio Fabio Mondini

Heineken Roeivierkamp di Serenella Corbo




La Heineken Roeivierkamp è una regata internazionale che dal 1973, ogni anno nel mese di marzo, si svolge  ad Amsterdam .
Organizzata dal Rowing Club Nereus la regata ha luogo sul fiume Amstel, nel tratto in cui il fiume attraversa la città. Il contesto è meraviglioso perchè dal fiume si possono ammirare antichi mulini a vento, giardini ricchi di tulipani , houseboats ormeggiate lungo le rive, e poi addentrandosi nella città le tipiche case di Amsterdam , strette e attaccate le une alle altre.
Possono parteciparvi equipaggi maschili e femminili , con barche 8+ e 4 di coppia.
Gli equipaggi partecipano a quattro gare, suddivise in due giornate, su quattro distanze differenti : 250 m, 750 m, 2500 m, 5000 m.
L’ organizzazione è stata davvero perfetta , vi erano oltre 400 barche eppure tutto si è svolto regolarmente. La sera precedente l’ inizio delle gare c’è stato un meeting dei timonieri in cui sono state fornite ampie spiegazioni, supportate dalla proiezione di diapositive esplicative ed è stato proiettato un video trailer che mostrava il percorso, come effettuare il passaggio sotto i tre ponti, come superare le imbarcazioni.
Il Tirrenia ha avuto l’ onore di partecipare alla Heineken Roeivierkamp 2016 con un equipaggio femminile , 4 x con timoniere, Serenella Corbo, Sonia Petrichella, Ada Manni , Alessia Alì e Valentina Minelli al timone.